TURISMO

Turismo, ecco le 29 città ammesse al contributo per i centri storici. Aiuti a fondo perduto fino a 150mila euro



Serviziodecreto agosto

Da Venezia a Roma, passando per Milano. Da Verbania fino a Matera e Siracusa. Sono alcune delle città ad alta vocazione turistica che potranno accedere al nuovo aiuto a fondo perduto per le attività commerciali dei centri storici che a giugno 2020 hanno subito un calo di fatturato di almeno il 33 per cento

di Marzio Bartoloni e Marco Mobili

Ecco le 29 città ammesse al bonus a fondo perduto per i centri storici

Da Venezia a Roma, passando per Milano. Da Verbania fino a Matera e Siracusa. Sono alcune delle città ad alta vocazione turistica che potranno accedere al nuovo aiuto a fondo perduto per le attività commerciali dei centri storici che a giugno 2020 hanno subito un calo di fatturato di almeno il 33 per cento

4′ di lettura

Venezia, Milano, Roma ma anche Verbania, Siracusa e Ragusa, Lucca e Matera. Sono solo alcune delle città ad alta vocazione turistica che potranno accedere al nuovo aiuto a fondo perduto per le attività commerciali dei centri storici colpite dal calo dei turisti per la crisi sanitaria e le norme sul distanziamento. Un aiuto da oltre 500 milioni di euro fortemente voluto dal ministro per i Beni culturali e il Turismo, Dario Franceschini, nel decreto Agosto approvato “salvo intese tecniche” dal Consiglio dei ministri venerdì scorso e atteso a breve sulla Gazzetta Ufficiale.

Aiuto mirato alle città d’arte

«Le città d’arte – ha sottolineato Franceschini a Il Sole 24 Ore – stanno particolarmente soffrendo della contrazione del turismo internazionale. È necessario sostenere chi vive e lavora in queste realtà, favorendo il più possibile la vitalità del tessuto commerciale». Di qui la volontà del Governo di prevedere un aiuto mirato «per assicurare risorse capaci di aiutare queste realtà a superare un momento critico e a trovarsi preparate a quando i visitatori torneranno da tutto il mondo a godere della bellezza delle nostre città d’arte», ha aggiunto il ministro.

VERSO IL BONUS A FONDO PERDUTO

Loading…

Il contributo a fondo perduto, spetta, dunque alle attività di impresa di vendita di beni o servizi al pubblico dei centri storici dei comuni capoluogo di provincia o di città metropolitana che, secondo le ultime rilevazioni effettuate dall’Istat hanno registrato, prima dell’emergenza sanitaria, presenze di turisti stranieri in numero almeno tre volte superiore a quello dei residenti per quanto riguarda i capoluoghi di provincia e le città metropolitane, e per i comuni capoluogo di città metropolitana in numero pari o superiore a quello dei residenti.

Venezia la città più colpita

Al primo posto tra le città a più alta vocazione turistica d’Italia c’è Venezia e dunque è tra quelle dove le attività commerciali hanno maggiormente avvertito la crisi economico-sanitaria. Ma a soffrire oltre alla Capitale, a Firenze, Napoli o Palermo c’è anche Verbania, che come presenze turistiche ante-pandemia era al secondo posto con un rapporto di presenze turistiche e cittadini residenti pari al 26 per cento, seconda solo a Venezia con un rapporto oltre il 46%. Va comunque sottolineato che dalla mappa tracciata sempre su base statistica emerge chiaramente che su 29 città ad alta vocazione turistica a beneficiare del fondo perduto per i centri storici ben 20 sono collocate nelle regioni del centro-Nord e le 9 restanti al Sud. A livello regionale è la Sicilia a registrare ben 5 capoluoghi i cui centri storici hanno subito maggiormente la crisi, mentre al momento dal beneficio resterebbero esclusi i comuni di almeno quattro regioni come Calabria, Umbria, Molise e Friuli Venezia Giulia.

Per centri storici dei 29 comuni indicati nella relazione tecnica al decreto di Agosto si intendono le aree della città individuate come zone A o equipollenti, secondo la definizione del decreto ministeriale 2 aprile 1968 n. 1444. Solo per tassisti e Ncc che svolgono trasporto pubblico non di linea il contributo è riconosciuto sull’intero territorio delle 29 città selezionate.