SONDAGGI

speciale sul processo Eichmann – Corriere dell’Umbria



Torna la storia raccontata dal vivo, attraverso immagini esclusive, le voci dei protagonisti e dei grandi storici, nei luoghi che hanno fatto il Novecento. Con il racconto in studio di Paolo Mieli, una serie di documentari per narrare i grandi eventi che hanno fatto il nostro tempo. “La Grande Storia” di giovedì 1 ottobre, alle 23.30 su Rai3, torna a occuparsi di uno dei processi più importanti del ‘900. Adolf Eichmann, dopo una spettacolare quanto criticata cattura, da parte del Mossad, il servizio segreto israeliano, viene processato a Gerusalemme nel 1964, accusato dell’organizzazione e gestione della Soluzione Finale. Nelle intenzioni di Ben-Gurion, l’allora Primo Ministro israeliano, il processo deve essere anche mediatico, uno sorta di spettacolo in cui per la prima volta i sopravvissuti alla Shoah possono raccontare l’indicibile, l’esperienza tragica dei campi di sterminio. Il procuratore del processo, Gideon Hausner, seleziona i testimoni più efficaci, ebrei provenienti da tutta Europa, molti dei quali non avevano mai raccontato la loro esperienza. Per l’occasione Ben-Gurion consente a una televisione americana di realizzare le riprese, tutto il mondo deve vedere, ascoltare. Il processo Eichmann, passato alla storia anche per i reportage che all’epoca Hanna Arendt scrisse per il New Yorker, non è solo il processo a un criminale nazista. È anche l’occasione per l’elaborazione collettiva della Shoah, un momento determinante alla base del nascente Stato d’Israele.